Nuove scoperte nei buchi neri supermassicci delle galassie attive

Uno studio del 30 Novembre 2020 sulla rivista Nature riporta delle nuove scoperte che riguardano alcune galassie attive.


La ricerca riguarda in modo particolare i nuclei delle galassie attive: si sapeva già che queste zone caratterizzate da un grande buco nero supermassiccio emettono dei getti di radiazioni ionizzanti, ma ora è stato scoperto che in almeno il 50% delle galassie attive questi deflussi trasportano energia cinetica, e tale energia costituisce gran parte della potenza dei nuclei galattici.

NGC 4261 è una galassia attiva nella costellazione della Vergine, a circa 60MLN di anni luce.

Per compiere le osservazioni è stato necessario osservare lo spettro di raggi X e ultravioletti, ma sono necessarie ulteriori indagini per capire i processi fisici che regolano queste particolari galassie, estremamente luminose nel nostro cielo.

Il link completo all’articolo lo puoi trovare qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *