La missione Chang’e 5 cinese e i campioni lunari

Il 16 dicembre 2020 la sonda Chang’e 5 è atterrata in Mongolia, carica di materiale lunare proveniente da un sito vulcanico della Luna


La Cina ha ormai un ruolo primario nell’esplorazione dello spazio: lo dimostra la sonda Chang’e 5. I campioni che ha prelevato sulla Luna sono di un territorio di origini vulcaniche largo circa 70 chilometri e risalente ad un fenomeno di 1.3 miliardi di anni fa.

Rappresentazione della sonda.

L’obbiettivo degli scienziati è riuscire a datare il Sistema Solare, ma anche capire come mai la Luna sia riuscita a trattenere del calore per così tanto tempo sulla sua superficie.

L’istituto che si occuperà dello studio dei campioni è l’Accademia delle scienze cinese, i cui funzionari hanno promesso di condividerne le informazioni a tutta la comunità scientifica.

Per leggerne di più, guarda l’articolo su science (link).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *