Un nuovo livello di studio delle atmosfere negli esopianeti


Gli strumenti che abbiamo a disposizione per l’osservazione degli esopianeti sono molti, ora uno studio sull’atmosfera di Trappist-1 e svela che possiamo scoprire ancora di più.


Lo studio

L’articolo pubblicato su Astrophysical Journal Letters espone la scoperta di nubi ghiacciate presenti nell’atmosfera dell’esopianeta Trappist-1 e. Questa scoperta è stata resa possibile grazie all’utilizzo del James Webb Space Telescope, il cui uno degli obiettivi è proprio quello di dare delle informazioni precise sull’atmosfera degli esopianeti.

Non è finita qui: tramite dei simulatori, gli scienziati possono realizzare dei modelli accurati di come l’atmosfera di Trappist-1 e si potrebbe presentare, tramite i dati del JWST.

Una rappresentazione artistica di Trappist-1 e Fonte: Wikipedia

Tramite il simulatore ExoCAM, gli studiosi hanno realizzato 5 diverse possibili rappresentazioni climatiche dell’esopianeta, per osservare le possibili conformazioni con la variabile delle nubi ghiacciate.

Successivamente i modelli sono stati ulteriormente elaborati da altri simulatori: il Planetary Spectrum Generator della NASA, in grado di ricavare dati specifici anche a livello molecolare, e il simulatore PandEXO. Il risultato è un gruppo di 365 diversi modelli da ciascuna rappresentazione climatica, creando così un insieme variegato di potenziali epoche planetarie.

Vuoi scoprire di più sugli esopianeti? Vai alla pagina dedicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *