Nuove evidenze sulla nascita delle Pulsar

Le Pulsar sono da sempre un grosso mistero. Queste stelle di neutroni ruotano a velocità sorprendenti e oggi sappiamo qualcosa di più su come sono nate.


Lo studio su Nature

Il 06 Maggio 2021 è stato pubblicato su Nature un articolo che espone una terza dimensione di velocità nelle rotazioni delle Pulsar. Nello specifico, l’articolo sottolinea una correlazione tra la velocità iniziali degli oggetti e il loro asse di rotazione, in un modello 3D che i simulatori non sono in grado di creare partendo dalle supernove conosciute finora.

Questo studio è importante anche perchè gli scienziati sono stati in grado di attribuire una velocità radiale alle Pulsar appena nate, situate all’interno di un residuo di supernova.

Il progetto è stato reso possibile grazie al team dell’Accademia delle Scienze di Pechino e al radio telescopio FAST (Five-hundred-meter Aperture Spherical Radio Telescope), puntato sulla Pulsar PSR J0538+2817.

Il radiotelescopio FAST

Le Pulsar

Questa scoperta non fa che aumentare le domande sulla formazione e su cosa sono effettivamente le Pulsar. Questi oggetti sono delle stelle di neutroni che ruotano su se stesse a velocità anche estreme (alcune a frazioni della velocità della luce) ed emettono impulsi elettromagnetici ad intervalli regolari (osservandola potrebbe sembrare un messaggio alieno).

Fatto curioso, grazie a una pulsar abbiamo scoperto il primo pianeta extrasolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *